mani

GayLib, “Bene Renzi. Perchè servono gradualità e considerazione del nostro tessuto culturale e sociale”

“La via indicata dal premier Matteo Renzi delle Unioni civili per le coppie dello stesso sesso va nella direzione giusta: l’Italia ha un tessuto culturale particolare, serve gradualità”. Ad affermarlo è il presidente di GayLib (gay liberali e di centrodestra) Enrico Oliari, il quale ricorda che “anche in Irlanda il processo è stato graduale, e prima di arrivare al matrimonio, si è porno italiano passati dalla Civil Parnership Bill del 2010”. “Piuttosto – ha continuato Oliari – i politici italiani di centrodestra prendano esempio dai vari Enda Kenny, politici di centrodestra, che governano diversi paesi europei e che non si sono fatti problemi ad essere loro i latori dei diritti civili anche delle persone omoaffettive. Perché, come ha detto oggi il vescovo irlandese Diarmuid Martin, è ora di fare i conti con la realtà”.

 

223615484-e8622504-c559-4128-8875-2b0f088b9c83

“L’impegno nostro – ha ripreso Daniele Priori, segretario dell’associazione – è quello di sostenere la proposta di Mara Carfagna sul riconoscimento delle Unioni omoaffettive, una soluzione moderata e moderna che darebbe riconoscimento, diritti e doveri alle coppie dello stesso sesso. I bigotti se ne facciano una ragione: non è riconoscendo un diritto che se ne nega un altro, come pure è sbagliato imputare alle coppie gay, che sono sempre esistite, un’eventuale crisi della famiglia italiana”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *